Sergio Rubini

Nato nel 1959 a Grumo Appula (Bari) ha fequentato a Roma nel 1978 l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica "Silvio D’Amico".
Ha lavorato in teatro come attore con Antonio Calenda, Gabriele Lavia, Franco Però,
Enzo Siciliano, Ennio Coltorti.

Nel cinema ha messo in scena:
"Italia-Germania 4 a 3" (1987)
"Non mi chiamo Ramon e non ho mai organizzato un golpe alle Maracas" (1988),
ambedue di Umberto Marino, e
"La notte è la madre del giorno" (1988) di Lars Noren.

Ha anche al suo attivo alcune regie radiofoniche, tra le quali un "Amleto" di Shakespeare
e un "Faust" di Goethe.
"La stazione" segna il suo esordio di regista cinematografico.

CINEMA

"FIGLIO MIO INFINITAMENTE CARO" 1985 regia di Valentino Orsini
"IL CASO MORO" 1986 regia di Giuseppe Ferrara
"INTERVISTA" 1987 regia di Federico Fellini
"IL GRANDE BLEK" 1987 regia di Giuseppe Piccioni
"I GIORNI RANDAGI" 1987 regia di Filippo Ottoni
"UNA NOTTE UN SOGNO" 1988 regia di Massimo Manuelli
"TRENO DI PANNA" 1988 regia di Andrea De Carlo
"MORTACCI" 1989 regia di Sergio Citti
"LA STAZIONE" 1990 regia di Sergio Rubini
"CHIEDI LA LUNA" 1991 regia di Giuseppe Piccioni
"LA BIONDA" 1993 regia di Sergio Rubini
"AL LUPO AL LUPO" 1993 regia di Carlo Verdone
"CONDANNATO A NOZZE" 1993 regia di Giuseppe Piccioni
"UNA PURA FORMALITA’" 1994 regia di Giuseppe Tornatore
"PRESTAZIONE STRAORDINARIA" 1994 regia di Sergio Rubini
"STORIE D’AMORE CON I CRAMPI" 1995 regia di Pino Quartullo
"NIRVANA" 1996 regia di Gabriele Salvatores
"IL VIAGGIO DELLA SPOSA" (1997) regia di Sergio Rubini
EXIT