Cocktails di Bit Shekerati a modo nostro -- Cinema, Musica, Libri, Teatro, Cibi, Bevande, Viaggi ...

Saturday 18th 2017f November 2017 10:39:20 PM
dabar Cinema Musica Teatro Letture
Protagonisti Altre opere Viaggi datadisk datafilm
Agenda Spettacoli, Cinema Firenze e Provincia, Teatri Firenze e Provincia, Concerti, Musica , Valdarno Cinema Teatri Manifestazioni, Arezzo Cinema Concerti Agenda Spettacoli

Annunci Gratuiti

Categorie





Bookmark and Share

cinema

Rubrica - Bitspettacolo

Film : non solo regia

La regia come perfezione


Il mondo del cinema, un ambiente tanto complesso e bizzarro, in grado di evolversi continuamente cos da apparire in una miriade di sfaccettature diverse.
Il raggiungimento del successo allora, non sempre frutto di una ricetta precisa, ma talvolta di avvenimenti che sono sfuggiti volutamente o no, a colui che viene riconosciuto come l’autore del film.
Per identificare questi possibili percorsi alternativi, tendenti al raggiungimento, come gi detto, del successo commerciale, bene ricordare qual’ comunque la condizione legittima.
Un film, non ci sono dubbi, creatura del regista.
Lui il coordinatore di tutto lo staff, lui il controllore di tutte le tappe, lui il responsabile dello stile, della tecnica e del messaggio culturale.
Questo per vero soltanto in parte e non poche volte accaduto che una pellicola sia diventata un successo planetario, non per la regia ma per altre cicli della sua lavorazione ritenuti normalmente meno importanti.
Quindi grossolano credere che tutto l’operato riconducibile al cineasta.
capitato, troppe volte a dire il vero, che la Produzione abbia assunto il pieno controllo sul regista e su tutte le altri fasi della realizzazione e che il cineasta sia stato assunto soltanto come tecnico sul campo, o al limite come mano d’opera qualificata.
Ma perch accade questo? I produttori investono continuamente soldi per realizzare il progetto anticipando le spese e ci a prescindere da quali saranno gli incassi; se il film nelle sale un fiasco ci rimettono di tasca propria.
In virt di questo si sentono in diritto di “influenzare” tutto il lavoro, attraverso un’attento controllo sull’autore (in questo caso egli assume una posizione a dir poco ambigua).
In pratica anticipando il contante (il sempre pi nominato budget), pretendono di controllare e neanche tanto per sommi capi, tutta l’esecuzione.
Tutto ci tanto pi estremizzato, quanto pi il regista sconosciuto, quindi impossibilitato a vendersi da solo il prodotto nel migliore dei modi, o comunque a garantire con il suo nome, lo standard minimo che la produzione si aspetta affinch decida di investire milioni di dollari.
per questi motivi che nasce l’esigenza di un cinema indipendente, fondamentale per la cultura cinematografica, ma costretto da piccoli budget che obbligano il regista a non pensare “in grande”, sia nel dispiego di mezzi che nella scelta degli attori e lo costringono a ridurre ed adattare continuamente la sceneggiatura, in luoghi e fatti comunque facili da filmare (purtroppo la pecurialit del cinema europeo).
Insomma, ci troviamo di fronte, per tanti film di successo, alla “produzione come perfezione” (non pi “la regia come perfezione” quindi), come modo diverso, naturalmente, di concepire la cinematografia.
In pratica una storia dovrebbe nascere soltanto dall’esigenza del regista di raccontare qualcosa; troppe volte invece il produttore che espleta ci, avvalendosi del cineasta solo come dipendente (autore, incredibile ma vero, soltanto sui titoli).
Emblematico per esempio il caso di “The Nightmare Before Christmas”, un film di marionette, una folle idea girata con la tecnica dello “stop-motion” in cui i movimenti vengono ripresi singolarmente fotogramma per fotogramma.
In questa pellicola, l’autore nonch ideatore responsabile di tutto il progetto Tim Burton che compare nei titoli come produttore.
Lo stesso Burton per una questione prettamente tecnica, dopo aver scritto il soggetto, realizzato i disegni preliminari e lo storyboard, ha delegato la regia a Henry Selick, un esperto del settore e la musica a Danny Elfman, autore di testi e musica nonch cantante principale (in Italia doppiato magnificamente da Renato Zero); allora questo il classico esempio di film di successo non concepito dal regista.
E ancora, assolutamente da menzionare i casi de “L’impero colpisce ancora” e “Il ritorno dello Jedi”; rispettivamente secondo e terzo episodio della saga di “Guerre Stellari”.
Tre film che hanno rivoluzionato, vent’anni fa il modo di fare cinema; per essi l’autore e responsabile unico di tutto il progetto, George Lucas, ha demandato la regia ad esperti del settore fantascientifico e cio Irvin Kershner per “L’impero colpisce ancora” e Richard Marquand per “Il ritorno dello Jedi”.
“Fino alla fine del mondo”, Il film pi ambizioso e probabilmente migliore di Wim Wenders, ha un curriculum di tre anni di riprese in quattro continenti, sedici mesi impiegati soltanto per il montaggio per nove ore di durata nell’edizione definitiva.
Successivamente stato ridotto per motivi commerciali a sei ore, per quella che viene considerata la versione originale (?) e a due ore a quaranta per quella distribuita nelle sale; quindi per mezzo del montaggio si ricostruito da capo il film a m di riassunto dell’originale!
Anche qui la volont ed il lavoro del cineasta non sono stati per nulla considerati e rispettati (almeno dal punto di vista culturale).
Ultimo emblematico esempio “Party Selvaggio” di James Ivory, deturpato barbaramente da due nuovi montaggi totalmente diversi da come li aveva concepiti Ivory; il primo voluto dalla produzione e il secondo dalla stazione televisiva che ne ha acquistato per ultima i diritti che, incredibilmente, ha lasciato solo tre scene originali (!) delle circa sessanta montate dal regista.
Quest’articolo non nasce, come potrebbe pensare qualcuno, dall’ammirazione per il barbaro lavoro svolto talvolta dalle majors (non solo americane ma anche europee, giapponesi ecc.), ma per bisogno di chiarezza verso tutti i lettori che da circa due anni ci seguono nella rubrica “la regia come perfezione”.
Chiarezza nel senso di completezza, perch in molti casi un grande film non necessariamente opera del regista.
Si vuole dimostrare, allora, l'ammissibilit di un successo cinematografico ottenuto percorrendo strade diverse dal binario della pura regia che fino ad ora abbiamo individuato come percorso portante.


Autore: Gabriele La Rovere -
Fonti: Bitspettacolo -
http://www.1aait.com/larovere/
Inserimento del 06/12/2004

Torna alla Home Page
Tuscany Accommodations
1° Italian Business Area -www.1aait.com- 1° Area Aziende Italiane

© BitBar -- privacy