Cocktails di Bit Shekerati a modo nostro -- Cinema, Musica, Libri, Teatro, Cibi, Bevande, Viaggi ...

Saturday 22nd 2018f September 2018 06:26:13 PM
dabar Cinema Musica Teatro Letture
Protagonisti Altre opere Viaggi datadisk datafilm
Agenda Spettacoli, Cinema Firenze e Provincia, Teatri Firenze e Provincia, Concerti, Musica , Valdarno Cinema Teatri Manifestazioni, Arezzo Cinema Concerti Agenda Spettacoli

Annunci Gratuiti

Categorie





Bookmark and Share

musica

Concerti - Roma - 05/12/2008

AEOLIAN HARPS

Installazione ed esecuzione di MARIO BERTONCINI Auditorium Parco della Musica, Teatro Studio




Il brivido di un vento virtuale avvolger gli ascoltatori. Artescienza 2008, in coproduzione con la Fondazione Musica per Roma, presenta le Arpe “Eolie” di Mario Bertoncini venerd 5 dicembre alle 21 presso il Teatro Studio del Parco della Musica di Roma. Il programma diviso in due parti e prevede un confronto tra la ricerca del passato e quella del presente. Si inizia con la “Chanson pour instruments vent”, per arpe e “gong eolici” del 1974. Da questo “assemblage di generatori sonori meccano/elettronici basati sul fenomeno dei suoni eolici”, come lo ha definito lo stesso Bertoncini, si passer alle tre “Istantanee”: la prima risale al 1982, la seconda al 2006 e l’ultima stata commissionata in occasione di Artescienza 2008 dal Centro Ricerche Musicali e sar in prima esecuzione assoluta. Istantanee I-III prende le mosse da uno dei generatori eolici di suono utilizzato da Bertoncini in “Venti” e nel numero I mostra all’ascoltatore l’azione del vento senza intervento umano; nel II l’unico esecutore utilizza musicalmente questo particolare strumento secondo tre diversi modi di eccitazione sonora (prima per mezzo del fiato, poi di tre piccoli ventilatori e infine di un impianto d’ aria compressa); il III, che formalmente rappresenta la combinazione dei primi due, si avvarr di microvariazioni digitali in tempo reale.
E’ inutile ricordare che Mario Bertoncini considerato uno dei maggiori musicisti dell’avanguardia musicale. Sperimentatore dei confini e delle possibilità sonore degli oggetti, a partire dal 1962 ha iniziato a preparare strumenti acustici secondo tecniche inedite, spesso con l’impiego dell’elettronica in tempo reale. Le sue arpe che ecciter dal vivo sono generatori sonori meccanico/elettronici basati sul fenomeno dei suoni eolici.
Con questo spettacolo Artescienza 2008 saluta il proprio pubblico e lo ringrazia per l’entusiasmo con cui ha accolto le iniziative di quest’anno. L’appuntamento con la Biennale internazionae di Arte Scienza e Cultura contemporanea per il 2009.
La direzione di Artescienza 2008 affidata a Laura Bianchini e Michelangelo Lupone.
ORE 21.00

Installazione ed esecuzione di MARIO BERTONCINI
Disegno e realizzazione delle arpe a cura dell’autore
Elaborazioni elettroniche di Carlo Laurenzi

Chanson pour instruments vent
Istantanee I
Istantanee II
Istantanee III (creazione assoluta per ArteScienza 2008, Produzione CRM)

MARIO BERTONCINI
Compositore e musicista tra i più significativi dell'avanguardia Italiana, sperimentatore dei confini e delle possibilità sonore degli oggetti, a partire dal 1962 inizia a ‘preparare’ strumenti acustici secondo tecniche inedite, spesso con l’impiego dell’elettronica dal vivo.
La sue arpe che ecciter dal vivo, sono generatori sonori meccanico/elettronici basati sul
fenomeno dei suoni eolici.

per arpe e “gComposto nel 1974, il lavoro comprende un assemblage di generatori sonori meccano/elettronici basati sul fenomeno dei suoni eolici (una “scultura di suono”), amplificati elettronicamente ed eccitati in tempo reale sia dal fiato dell’unico esecutore che da getti d’aria compressa di discreta potenza (fino a 1.5 bar).
Vorrei ripetere qui ci che ho dichiarato altrove, e cio che la nozione di scultura di suono sol-
tanto un’immagine metaforica relativa, riguardo alle altezze, al timbro, al modo d’attacco, al grado di limitazione imposta agli strumenti all’atto della costruzione di essi e non va quindi confusa con la descrizione d’una installazione visiva o plastica propriamente detta.
Il compositore suggerisce per questo brano un ascolto privo di preconcetti formali o dialettici (ad
es. quello connesso all’articolazione ritmica) e desidererebbe che l’ascoltatore concentrasse piuttosto la propria attenzione sulle variazioni di colore relative alla modulazione dei formanti armonici.
La prima esecuzione del lavoro risale al 1974 ed stata condotta dall’autore negli studi della
RAI di Milano.

Il lavoro si basa su uno dei 20 generatori eolici di suono di VENTI (1982), costruiti secondo il principio dell’arpa ‘eolia’. Lo stesso oggetto, nelle tre fasi relative al titolo, rivela nel numero I
l’azione del vento senza intervento umano; nel II serve all’unico esecutore per svolgere una
“lettura” musicale dell’oggetto secondo tre diversi modi di eccitazione sonora (prima per
mezzo del fiato, poi di tre piccoli ventilatori e in fine di un impianto d’ aria compressa); nel III,
che formalmente rappresenta la combinazione dei primi due, permette di studiare alcune minime variazioni digitali del ductus sonoro in tempo reale.
Le durate delle tre Istantanee ed alcune caratteristiche degli eventi sonori in gioco sono in
proporzione fra loro.
ISTANTANEE II stata commissionata dal CRM, nel 2006 in occasione delle celebrazioni
del decennale della Federazione CEMAT.



Autore: MARIO BERTONCINI -
Fonti: Centro Ricerche Musicali -
http://www.bitbar.it/leggi.php?categoria=protagonisti&rif=21
Inserimento del 02/12/2008

Torna alla Home Page
Tuscany Accommodations
1° Italian Business Area -www.1aait.com- 1° Area Aziende Italiane

© BitBar -- privacy