Cocktails di Bit Shekerati a modo nostro -- Cinema, Musica, Libri, Teatro, Cibi, Bevande, Viaggi ...

Thursday 19th 2018f April 2018 05:52:11 PM
dabar Cinema Musica Teatro Letture
Protagonisti Altre opere Viaggi datadisk datafilm
Agenda Spettacoli, Cinema Firenze e Provincia, Teatri Firenze e Provincia, Concerti, Musica , Valdarno Cinema Teatri Manifestazioni, Arezzo Cinema Concerti Agenda Spettacoli

Annunci Gratuiti

Categorie





Bookmark and Share

sport

PARACADUTISMO - parte 1°

il sogno di Icaro è quasi... realtà! Dalla caduta libera... al volo p

Un paracadutista lanciato in caduta libera, riuscito dopo un volo planato e senza l'ausilio di nessun mezzo tecnico (senza paracadute!), a rientrare, pi il l... nello stesso aereo! <br><br> Patrick de Gayardon, l'Icaro del terzo millennio! Francese, classe 1960, tra l'altro detentore anche del primato mondiale di lancio in caduta libera senza respiratore ad ossigeno: il 14 novembre del 1995, nei cieli di Mosca si lanciato da uno Ilyushin 76 da 12.700 metri. Ma facciamo un po' di storia; racconta il mito: Dedalo, architetto ateniese, inventore e artista geniale, costru una giovenca di legno e cuoio affinch la regina cretese Pasifae potesse accoppiarsi con il toro bianco, dono di Poseidone. Nacque il Minotauro, orrenda creatura mezzo uomo e mezzo toro. Per imprigionarlo, Minosse re di Creta e marito di Pasifae, fece costruire da Dedalo, a Cnosso presumibilmente nel XVI sec. a.C., il famoso palazzo a forma di labirinto; l'eroe Teseo, destinato ad essere sacrificato al Minotauro con altri 13 giovani, con l'aiuto della figlia di Minosse, innamorata perdutamente di lui, Arianna, e del suo famoso filo, uccise il mostro e usc dal labirinto come Dedalo aveva consigliato. Quest'ultimo, per punizione, fu rinchiuso da Minosse nel labirinto insieme al figlio Icaro. Dedalo con un inganno costru due paia di ali incollando penne di uccello con cera, quindi fugg volando con il figlio. Icaro, desideroso di librarsi in volo il pi in alto possibile per sfidare il limite umano, si avvicin troppo al sole, la cera si fuse e mor cadendo in mare. Sempre secondo la leggenda, Dedalo raggiunse volando l'Italia. Da allora chiunque si sia cimentato in: "un'impresa orgogliosa e vana che abbia infelice esito", si dovuto confrontare con la figura non solo mitologica, ma soprattutto filosofica di Icaro. <br><br> In epoca moderna, la ricerca tecnologica ha seguito due strade: tentare il volo battendo le ali come un uccello, o planare per mezzo di ali fisse, come un aliante. Le prime ricerche sistematiche furono di Leonardo (ma anche i cinesi si diedero da fare) che, intorno al 1500, progett macchine volanti fantastiche ed intu il concetto del paracadute, la terza strada, un'idea completamente innovativa rispetto al mitico volo d'Icaro, da tutti sognato. Da allora un manipolo di temerari ha tentato l'impresa con delle ali battute a forza, ma in verit sono riusciti al massimo a planare. Gli arditi dell'aria si buttavano da torri, palazzi e ponti ma anche mongolfiere. Tanti moderni Icaro morirono schiantati; altri pi furbi cadevano in acqua e qualcuno che non aveva fatto bene i calcoli si schiant contro un battello, il caso del marchese De Baqueville che nel 1742 fu artefice del primo volo con ali applicate alle braccia. Qualcuno si ruppe le gambe e qualcun'altro a malapena usc vivo. Il paracadute a calotta, per come noi lo conosciamo, tutt'ora usato dai militari, stato inventato dai fratelli francesi Garnerin, il 22 ottobre del 1797. Audaci come pochi, si buttarono da 700 metri su Parigi tagliando le funicelle della loro mongolfiera e atterrando con la navicella sostenuta da un paracadute. Altri, pi arditi, lanciandosi da 3000 metri con ali "alla Icaro", planavano fino a 600 e poi aprivano il paracadute per atterrare; il pi famoso fu l'americano Clem Sohn, soprannominato l'uomo uccello: usava ali di tela steccate dai polsi fino alle caviglie; mor nel 1937 durante un esibizione. Questa doppia soluzione, prima volo planato e poi atterraggio con il paracadute, and di moda per parecchio tempo. Il primo a calotta tonda, ripiegato in uno zaino e imbracato con il corpo, per, fu quello di Stivens del 1908. Pi tardi, studi sistematici, lo trasformarono in dispositivo di salvataggio per aerei e accessorio bellico delle truppe d'assalto e, soltanto nel 1951 a Bled, in Yugoslavia si tennero i primi campionati del mondo di paracadutismo sportivo.


Autore: GABRIELE LA ROVERE -
Fonti: http://www.1aait.com/larovere -
http://www.1aait.com/larovere
Inserimento del 11/01/2004

Torna alla Home Page
Tuscany Accommodations
1° Italian Business Area -www.1aait.com- 1° Area Aziende Italiane

© BitBar -- privacy