Cocktails di Bit Shekerati a modo nostro -- Cinema, Musica, Libri, Teatro, Cibi, Bevande, Viaggi ...

Tuesday 11th 2018f December 2018 08:23:07 AM
dabar Cinema Musica Teatro Letture
Protagonisti Altre opere Viaggi datadisk datafilm
Agenda Spettacoli, Cinema Firenze e Provincia, Teatri Firenze e Provincia, Concerti, Musica , Valdarno Cinema Teatri Manifestazioni, Arezzo Cinema Concerti Agenda Spettacoli

Annunci Gratuiti

Categorie





Bookmark and Share

teatro

Spettacolo - Roma Teatro Vascello - 25/01/2015

Debutto nazionale IL GABBIANO

Dal 13 al 25 Gennaio 2015 Teatro Vascello di Roma




Lo spettacolo, con la regia di Fabiana Iacozzilli della Compagnia Lafabbrica, sarà rappresentato fino a domenica 25 gennaio:  il famoso dramma di Anton Cechov è la storia di un duplice fallimento, umano e artistico che narra di come la vita possa cambiare in un attimo.

con:  Simone Barraco, Jacopo Maria Bicocchi, Elisa Bongiovanni, Luigi di Pietro, Francesca Farcomeni, Guglielmo Guidi, Anna Mallamaci, Ramona Nardò, Benjamin Stender, Paolo Zuccari
collaborazione artistica: Matteo Latino
regista assistente: Marta Meneghetti
aiuto regia: Giada Parlanti
assistente alla regia: Gabriele Paupini
scene:  Matteo Zenardi
disegno luci:  Hossein Taheri
costumi: Gianmaria Sposito
sarto tagliatore: Davide Zanotti

La disperazione di un uomo sull'orlo della disfatta, l'abbandono da parte dei conoscenti, l'incapacità di cogliere vie d'uscita e quindi il baratro: è questo l'excursus del tormento di Kostya protagonista de "Il Gabbiano" in scena al Teatro Vascello da martedì 13 gennaio. Il dramma di Anton Cechov, per la regia di Fabiana Iacozzilli, sarà rappresentato fino a domenica 25 nella sala Giancarlo Nanni.
Il percorso di Kostya è l’avvincente storia di un fallimento, un fallimento artistico ed umano. Tutto ha inizio con l’interruzione del suo spettacolo, momento in cui, in un solo istante, scivola nel vuoto della solitudine e tutti lo abbandonano proprio come accade nella vita. La sua solitudine, da questo momento in poi, è di struggente bellezza ed il suo continuo dialogo con la vita e con la morte, alla ricerca di un senso, è raggelante.
Non sa come andare avanti, per continuare a vivere vorrebbe uccidere l’amore che prova per Nina ed invece finisce per “baciare la terra dove ha camminato la sua amata”. È completamente vinto dalle passioni, odia quello che scrive e si uccide perché sa di non aver raggiunto nulla nella vita: essere uno scrittore geniale ed avere accanto a sè l’amore della madre e di Nina.
E noi lo capiamo, lo capiamo profondamente, perché in fondo non è proprio l’amore l’unica cosa al mondo per cui valga la pena di vivere?

Spettacolo realizzato con il contributo delle Azioni Trasversali – Formazione/Promozione/Residenza Creativa a cura del Centro Internazionale La Cometa
Compagnia selezionata al Festival dell’Incanto


dal martedì al sabato h.21 - domenica h.18


Autore: Fabiana Iacozzilli -
Fonti: artinconnessione.com -
http://www.teatrovascello.it/
Inserimento del 13/01/2015

Torna alla Home Page
Tuscany Accommodations
1° Italian Business Area -www.1aait.com- 1° Area Aziende Italiane

© BitBar -- privacy