Musica, concerti, cinema spettacoli, eventi cultura, viaggi, life style cinema, concerti, dischi, artisti, registi, vino, enoteche
by bitit
Cocktails di Bit Shekerati a modo nostro - Cinema, Musica, Libri, Teatro, Cibi, Bevande, Viaggi
Bookmark and Share
Menu
agenda spettacoli in programmazione
agenda spettacoli in programmazione

Gioco delle risonanze Pompei Scavi – Palestra Grande

naugurazione lunedì 3 agosto - ore 11:00

Gioco delle risonanze  Pompei Scavi – Palestra Grande

daopere Instalazioni

data: 03/07/2015, Pompei (NA)

Gioco delle risonanze
Installazione sonora d’arte con Planofoni®

Ideazione, Planofoni®, Musica
MICHELANGELO LUPONE

Progetto
MICHELANGELO LUPONE – LAURA BIANCHINI

Con la collaborazione di
LORENZO SENO coordinamento scientifico
EMANUELA MENTUCCIA assistente di progetto
SILVIA LANZALONE, ALESSIO GABRIELE assistenti musicali
MAURIZIO PALPACELLI responsabile tecnico
Gioco delle Risonanze è un’istallazione sonora d’arte, site specific, un luogo di esperienza sensoriale, un ambiente immersivo e interattivo in grado di adattare e sviluppare la forma musicale in relazione alla presenza del fruitore e allo scorrere del tempo.
Tutte le componenti espressive dell’installazionesono correlate e integrano l’ascolto e la visione.
Realizzata nell’ambito del progetto di restauro della Palestra Grande degli Scavi di Pompei, nasce dal desiderio di esaltare la conoscenza culturale di quella civiltà e allo stesso tempo di offrire un’opera di alto profilo artistico che coniuga la bellezza e la forza evocativa del sito all’espressione del linguaggio musicale contemporaneo.
Gioco delle Risonanze propone una lettura artistica del sito, degli affreschi di Moregine, esposti in permanenza nel lato sud della Palestra.
È un luogo accogliente, che stimola le forme temporali dell’immaginario, svincolando gli ambienti dalla percezione di un tempo congelato, immobile.
È un ambiente non invasivo che consente al fruitore di acquisire la memoria acustica del sito con un coerente disegno sonoro che ne esalta le geometrie e i volumi architettonici.
È uno spazio percettivo in grado di sollecitare nel fruitore una partecipazione emozionale.


Fonte: Centro Ricerche Musicali - CRM

Pubblicato il: 03/08/2015 da Enrico Maria Chellini

-